logo
  • 14 febbraio 2011
  • Anteprima
  • Commenti disabilitati su Anteprima Carnevale di Sciacca 2011: In…Bilico

Anteprima Carnevale di Sciacca 2011: In…Bilico

IMG_3781 [800x600] [800x600]

Oggi è la volta dell’associazione Archimede, vincitrice per la categoria A dello scorso anno. Il carro presentato per la 111^ edizione del Carnevale di Sciacca si intitola “In…bilico” e tratta il tema della crisi e delle difficoltà economiche della famiglie odierne. Si prevede un carro ricco di particolari ben dettagliati. Eccovi bozzetto, allegoria e foto.

Allegoria:

Oggigiorno la crisi economica non risparmia nessuno, colpendo anche le grandi nazioni che prima trainavano l’intera economia mondiale.
Anche il bel paese non è esonerato da tale evento: l’entrata della moneta unica europea, l’aumento indiscriminato del caro vita, la continua esasperazione al consumismo, hanno portato la famiglia italiana a vivere giornalmente e costantemente una situazione in bilico per il continuo sforzo di arrivare alla fine del mese.
Nel carro sono rappresentate delle scene in cartapesta, che evidenziano la continua corsa sfrenata al consumismo e allo sperpero di denaro, di cui ogni famiglia potrebbe fare a meno, ma che purtroppo quasi con una forma di autolesionismo continua ad espletare: sono messe in bella mostra la scena della moglie che va puntualmente dal parrucchiere e dall’estetista, i figli che oggi richiedono telefonini, videogames dell’ultima generazione, il mutuo della casa, la macchina nuova, per poi arrivare alle tasse che ogni famiglia paga per luce, gas, telefono, immondizia, ici ecc.
Nella parte posteriore del carro è raffigurata una bancarella dove sono esposti dei prodotti di prima necessità mettendo in bella mostra la differenza dei prezzi esageratamente raddoppiati, facendo il confronto dei costi tra la lira di ieri e l’euro di oggi.
Euro che ritroviamo come personaggio predominante del carro, riprodotto come un fantasma di cui tutti noi avvertiamo il peso, e che rappresenta l’incognito del futuro stesso.
Sono ormai lontani i tempi della vecchia e cara lira, moneta coniata allora dalla zecca dello stato Italiano, da noi raffigurata sul carro come una simpatica vecchietta piena di ricordi e saggezza, messa ormai a riposo su una sedia a dondolo e mai però dimenticata; questa visione ci porta giornalmente ad un quesito: “forse si stava meglio quando si stava peggio?”
Ai politici e agli organi preposti la responsabilità di creare le condizioni di una stabilità economica che non ci faccia restare in bilico.
A noi tutti la riflessione e la consapevolezza di ritrovarci costantemente economicamente in bilico, nell’attesa di tempi migliori.


Comments are closed.