logo
  • 24 marzo 2014
  • Senza categoria
  • Commenti disabilitati su La premiazione…in rima

La premiazione…in rima

asfoto (22)

In attesa della classifica, vi proponiamo una poesia in rima dialettale tratta dal libro “Del Carnevale di Sciacca” di Lorenzo Raso e pubblicato di recente dalla Melqart Communication. Tale poesia rispecchia perfettamente le critiche che precedono e seguiranno la comunicazione del verdetto, che avverrà domani pomeriggio.

……..picchi stù Cannalivari di passioni,
S’inciamma troppu pi la premiazioni.
È giustu diri p’amuri di giustizia,
Chi la classifica di lu Carnevali,
E ccà ci mettu anticchia di malizia,
quasi mai ha statu chiara e m’parziali;
ma, sempri, lu giudizio sintinziatu,
limpidu ha statu trasparenti e…. Aggualatu.
Ma puru chistu è Cannalivari;
reguli chi nun s’hannu a rispittari;
amici chi pri forza accuntintari,
un jocu chi ccà, onestu nun si po’ fari!
Ma stà disonestà cu la risata,
A turnu, tutti l’hannu assapurata.
………
Culpa di la politica vonnu diri
chi, sempri, la settanta av’appattari;
Chi fa discussi logni a mai finiri,
Ma poi la quadra sempri av’aggualari;
E puru carnevali tantu beddu,
Diventa: na levata di cappeddu!
………
Picchi nun s’à vulutu mai accittari,
chi ccà la Festa la fannu i Carruzzati!;
La genti pri contornu a primari,
o a criticari, si sunnu scancarati;
Poi l’acqua e lu ventu a dicidiri la sorti
si la Festa o ghiri in gloria o a la morti.
L’autri così su tutti babbiata;
Lu programma, cu cumanna, cu dirigi;
si li misuri di la Carruzzata,
O l’amplificazioni sunnu a liggi;
sia chiaru sù l’attori di stà farsa,
Na semplici e apprezzabili cumparsa.


Comments are closed.