logo

La RTI “Carnem Levare” si ritira dall’organizzazione della festa. Si corre ai ripari.

FONTE: www.corrieredisciacca.it

La gestione del carnevale in mani del privato sembra avere una sorta di maledizione. Il raggruppamento di imprese “Carnem Levare”, che si è aggiudicato il bando per la gestione e organizzazione del carnevale 2019 ha fatto un passo indietro. Parre che, alla base della scelta del Raggruppamento temporaneo, ci sia qualche difficoltà di carattere amministrativo.

A questo punto, a meno di un mese dalla festa, è tutto da rifare e la gatta da pelare è in mano al dirigente comunale Michele Todaro. Se l’Ats Carnevale, l’associazione rimasta esclusa, decide di non subentrare, il Comune deve trovare una soluzione che oggi non sembra facile. Ma è anche una patata bollente nelle mani dell’assessore al Turismo, Tulone. Ha giocato la carte dell’innovazione della gestione della festa, ma adesso si trova di fronte un mare di difficoltà. Il tempo si restringe inesorabilmente. Ma una considerazione non può sfuggire. Il bando è stato partorito con ingredienti che rendono rischiosa l’impresa della gestione e dell’organizzazione. Insomma, per le condizioni poste, un imprenditore può farsi davvero male, economicamente.